Infrastrutture di ricerca

Durante alcuni incontri, è emerso il tema delle Infrastrutture di ricerca (IR). Mi è stato chiesto di chiarire il nostro interesse verso queste strutture, il loro senso e valore. Colgo questa opportunità per spiegare perché ritengo importante investire in questa direzione. 

Le IR sono, secondo lo European Strategy Forum on Research Infrastructures (ESFRI), strutture, risorse e servizi collegati, utilizzati dalla comunità scientifica per condurre attività di ricerca d’eccellenza nei rispettivi ambiti, senza vincolo di appartenenza istituzionale o nazionale. Gestiscono risorse (conoscenza e strumentazioni) ed erogano servizi, e collaborano con soggetti pubblici e privati nel campo della ricerca, sia accademica che industriale. Le IR diffondono le conoscenze prodotte ad accesso aperto e per tale ragione possono svolgere un ruolo essenziale nel sostegno e nella diffusione dell’innovazione e della competitività del paese.

I programmi nazionali ed europei per il ciclo 2021-2027 – il Programma nazionale per la ricerca (PNR), il Programma nazionale per le infrastrutture di ricerca (PNIR), e il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e Horizon Europe – riconoscono finanziamenti specifici per le IR.

Si tratta di una opportunità che Iuav sta perseguendo da tempo con il “progetto del dipartimento di eccellenza” Infrastruttura di Ricerca. Integral Design Environment – IR.IDE, e finalizzato a realizzare  un’infrastruttura di ricerca nazionale nell’area di specializzazione individuata dal PNR 2014-2020 “Turismo, Cultural Heritage e industria della creatività”. Recentemente IR.IDE è stata segnalata dalla Regione del Veneto fra le 5 infrastrutture di ricerca prioritarie ai fini della formulazione del PNIR 2021-2027 – un segnale importante, uno stimolo a proseguire e rafforzare il lavoro svolto.   

Investire in questa direzione è importante perché, al di là dei finanziamenti disponibili e attivabili, consente di capitalizzare i percorsi di ricerca seguiti sia all’interno dell’Infrastruttura sia nei Laboratori del Dipartimento.

Torna su